Bond emergenti rischiosi in valuta locale? Come faccio trading ad alto rendimento 💹 sfruttando i cambi

 Le obbligazioni emergenti e il rischio paese. Il rating di Standard & Poor's in una mappa.

Le obbligazioni emergenti e il rischio paese. Il rating di Standard & Poor's in una mappa.

Tempo di lettura 2 min.

Strategie in bond emergenti ad alto rischio e rendimento:

  1. Quali sono i paesi con High Yield Bonds

  2. Conoscere le obbligazioni emergenti

  3. Opinioni non certezze, anzi, esperimenti

  4. Venezuela 2027? No!

  5. Emittenti con rating tripla A

  6. Patterns valutari ricorrenti

  7. Prudenza con i bond emergenti

  8. EUR/ZAR, EUR/MXN e EUR/TRY

  9. Alcune emissioni che ho usato io

  10. Riepilogo e ETF bond emergenti

Esistono paesi che offrono obbligazioni ad altissimo rendimento. Per un investitore europeo, i bond emergenti accessibili, sono in genere quelli di Venezuela, Brasile, Messico, Russia, Sud Africa e Turchia.

I bond ad alto rendimento sono davvero affascinanti, perché in molti casi offrono cedole che superano il 10% annuo, qualcosa che in Italia ed in Europa non esiste più (per fortuna, direi) da almeno 20 anni.

Questa non è, e non vuole rappresentare una consulenza finanziaria, né un consiglio di investimento. Qui racconto i miei esperimenti finanziari di successo, tutti gli altri li tengo per me. Il linguaggio che uso non è quello tecnico a cui siete abituati, infatti non è il mio lavoro, io sono solo un investitore curioso che non smette mai di imparare e di cercare la via del profitto.

Investire in obbligazioni con cognizione di causa, in generale, purtroppo presuppone una buona conoscenza degli strumenti. I bond sembrano facili, no? Io ti presto denaro e tu mi dai gli interessi, eppure è molto meglio studiarne bene le caratteristiche prima di investire per evitare sorprese. 

In questo articolo sui bond emergenti non scenderò affatto nel dettaglio, ma mi soffermerò su una strategia che da anni mi sta regalando grosse soddisfazioni, e che sembra replicabile. Non parleremo dunque di rateo, di prezzi di emissione, fattori correttivi, trattenute e lotti minimi.

Naturalmente il rischio associato a questi strumenti e a queste pseudo-strategie è alto, e solo una minima parte del proprio portafogli andrebbe allocata così. Ma neanche per forza. È sempre una buona idea consultarsi col consulente indipendente prima di  considerare di partire con le obbligazioni emergenti. In un passato neanche troppo remoto migliaia di italiani hanno visto i loro risparmi, imprudentemente investiti in bond high yield Argentini, sparire in un giorno.

Quello che io faccio per gestire questi strumenti è molto legato alle valute, anzi, ad alcune solamente.

Le obbligazioni dei paesi emergenti possono essere emesse in dollari USA, in Euro, Sterline e in valuta locale. I bond Venezuela 2027 ( i più famosi del mondo) ad esempio sono in dollari, quindi inutilizzabili dalla mia strategia.

I paesi che hanno emissioni interessanti per me sono solo quelli che hanno un emittente solido, come la Banca Mondiale (IBRD) o dalla Banca Europea per gli investimenti (BEI). Scegliendo questi elimino, o quantomeno, abbasso il rischio emittente. Restano da sciogliere i nodi del rischio paese, il rischio valuta e l'andamento del titolo.

 La sede della banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo. Washinton (USA)

La sede della banca internazionale per la ricostruzione e lo sviluppo. Washinton (USA)

Sul rischio paese non credo ci sia troppo da fare, basta evitare paesi che reputiamo troppo pericolosi. In genere sono proprio quelli che staccano cedole generose.

Il rischio valuta è quello che normalmente rende nulli o negativi i rendimenti dei bond con alte cedole.

Se la valuta in cui abbiamo investito perde il 10% in un anno e il nostro bond rendeva l'8% non solo avremmo una perdita, ma avremo anche incamerato inutilmente il rischio paese (normalmente alto) per tutto il periodo, con conseguente rischio di perdita totale. La Lira Turca, ad esempio, riesce ultimamente a perdere più del 20% all'anno.

Negli ultimi 20 anni una caratteristica comune a moltissime valute emergenti è stata proprio quella di svalutarsi in modo piuttosto costante nei confronti delle valute forti. Se analizziamo i grafici di lungo periodo i cambi tra Euro e valute emergenti, questo è quasi sempre a favore dell'Euro. Questo azzera la convenienza di questi bond se siamo investitori in Euro, e noi lo siamo.


In questa analisi parlerò di Bond emergenti in Rand Sud Africani, in Pesos Messicani e in Lire Turche. 

 EUR-ZAR

EUR-ZAR

Queste tre valute sono legate a tre paesi con caratteristiche di rischio diverse e bond a medio/alto rendimento. 

Fare previsioni sui cambi è tanto difficile, che ho sempre ammirato i traders che riescono a fare profitto così. Tuttavia, negli anni, ho intercettato dei pattern abbastanza chiari nel comportamento di queste tre valute. Nessuna garanzia di successo, ma semplici esperimenti che sono motivati da ragioni di pura analisi tecnica. Quindi non ho inventato la ruota. Purtroppo.


Ho iniziato ad acquistare piccole quantità di questi bond, semplicemente quando nel grafico mensile di lungo termine del cambio con l'Euro notavo segnali piuttosto chiari di inversione (momentanea) del trend di svalutazione.

Piccole quantità per due ragioni. La prima è l'alto rischio associato alla tipologia di strumento e la seconda dovuta al fatto che può essere necessario mediare il prezzo d'acquisto se il timing che credevamo giusto si rivela invece sbagliato. Portare a casa il risultato ideale significa riuscire a fare profitto sia sulla cedola che sul cambio.

I segnale di inversione che ho notato sui cambi di EUR/ZAR, EUR/MXN E EUR/TRY sono quasi sempre intercettabili da banali divergenze sull'RSI del grafico mensile. I periodi di forza di queste valute in genere arrivano dopo iper-comprati clamorosi e normalmente (..ma di norme non ce ne) durano pochi mesi, dopodiché riprende il trend primario di svalutazione. Quando, seguendo questi pattern sul mensile, riusciamo ad scovare i timing giusti, riusciamo anche ad abbassare la probabilità che il cambio ci vada contro. Quando sbaglio, aspetto il prossimo forte ipercomprato, un'eventuale divergenza, e medio il prezzo e il cambio. Se le ragioni per cui ho iniziato non sussistono più, umilmente chiudo l'operazione e porto a casa la lezione. In pratica non perdo mai, o vinco o imparo qualcosa.

Questo post è frutto di test che hanno preso anni, prima di continuare ora ti invito a ripagare il mio impegno e la mia ricerca: ti basterà condividere il post! A te costa zero, per me è motivo di soddisfazione! Grazie!

 EUR-MXN

EUR-MXN

Alcune delle emissioni ancora attive che ho provato sono WORLD BANK 18 4 - 604197.TX - ETLX in Pesos Messicani con cedola 4%, EIB 18 REG-S 9.25 - X45616.MOT in Lire Turche con cedola 9,25% e EIB 19 EMTN REG-S 6 - X04983.MOT in Rand Sudafricani con cedola al 6%. In realtà scelgo sempre le più liquide con una scadenza non troppo lontana. Quando la scadenza non è lontana, il prezzo deve essere preferibilmente inferiore al prezzo di rimborso. I lotti devono avere tagli accessibili anche ai piccoli investitori.

 EUR-TRY

EUR-TRY

Esistono molti ETF che replicano l'andamento dei panieri di bond emergenti al alto rendimento e normalmente sono espressi in Dollari USA. In questi normalmente la cedola viene staccata dal prezzo due volte l'anno e possono essere poco liquidi sulla piazza di Milano. Di questi strumenti ne ho parlato già qui. Per chi investe in obbligazioni Turche e Russe ci sarebbe da ragionare anche sulla probabile bassa eticità dell'operazione, visti i paesi a cui su presta. Messico, Sud Africa e Brasile invece sono delle democrazie.

Oltre al trading io uso metodi alternativi per generare rendite indipendenti tra loro e non troppo legate all'andamento dei mercati. Mi sono fatto un opinione anche sugli investimenti immobiliari effettuabili online e sui prestiti in P2P.

 

 Fai una domanda

Questo blog ha fini puramente informativi ed educativi (disclaimer

Se hai trovato stimolante condividilo su Facebook o su whatsapp

NOTA: Le indicazioni contenute in questa analisi sono da considerarsi meri strumenti di informazione e non intendono costituire in nessun modo consulenza finanziaria, sollecitazione al pubblico risparmio,  suggerire o promuovere alcuna forma d'investimento.