Porta traffico sul tuo sito con Facebook, ma senza limiti

Tutti vorremmo più visite al nostro sito!  Anzi, spesso chi è appena arrivato online si meraviglia di quante poche visite riceve la sua "creatura". Che sia un blog o un sito di un'attività è sorprendente quanto si venga ignorati dal web all'inizio! I motivi sono tanti e solo col tempo, lo studio o con le giuste consulenze si raggiungono i risultati attesi. Facebook è uno dei mezzi più diretti per avere traffico qualificato e conoscendo qualche "trucchetto" si può aggirare, ad esempio, il limite dei 5€ al giorno delle campagne "traffico".  

Clickadvisor-traffico-sito-web-facebook-ads

L'interfaccia Facebook ADS permette svariati modi di fare campagne di marketing. Il più famoso, utile e desiderato è senza dubbio l'obiettivo: "Traffico".  Testualmente troveremo scritto che: "Rimanda un maggior numero di persone a una destinazione su Facebook o fuori Facebook." Che facciamo ci crediamo? Direi proprio di si! Ecco perché.

Facebook ha la possibilità di mandarci visite realmente interessate al nostro servizio/prodotto perché ormai conosce i gusti e gli interessi dei suoi utenti. Da parte nostra, dovremo essere capaci di selezionare le giuste voci dall'elenco, o meglio, creare varie audiences su misura per noi. 

Le campagne traffico hanno una spesa minima di 5€ al giorno, che non è poco per un negozio o un autonomo. Qui abbiamo due scelte, ottimizzare la spesa o aggirare un pò il sistema. Meglio fare tutte e due le cose!

Facebook-ads-campagne-traffico-clickadvisor

Quando impostiamo una campagna "traffico" per non avere una spesa minima possiamo facilmente selezionare un'ottimizzazione della stessa per "visualizzazioni"( nel sistema si chiamano impressions e copertura giornaliera) invece che per "clicks".  Meglio non fidarsi troppo dei sedicenti "maghi di Facebook ADS" che si incontrano nel web che raccontano che fare questo funzioni. Sarebbe bello, ma non è così facile.

Facebook in questo caso abbasserà la spesa minima a 1€ al dì e noi otterremo migliaia di visualizzazioni (dell'annuncio, non del sito), ma difficilmente molte di queste si trasformeranno in qualcosa di rilevante per noi.  Quantità sembra essere il contrario di qualità in questo caso, e il CTR, l'indicatore principe dell'efficacia di una campagna (non sempre, ma oggi semplifichiamo a scopo didattico..) inevitabilmente sarà basso.

Questa è una scelta che potrebbe aver senso solo se a farla è un esperto che sa eseguire test, leggere i dati e ottimizzare, ma non è adatta a chi si amministra ADS in autonomia da neofita.  Allora come si fa? Bene, arriviamo al punto.  Seleziona per la tua campagna l'obiettivo "clicks" e falla partire. Dopo un pò, guarda i risultati e vai a modificare l'importo dell'offerta da automatica a manuale. Ti verrà suggerita un'offerta ed è qui che inizia il lavoro da alchimista che potrebbe farti avere una campagna per clicks con meno di 5€ al giorno. Porta l'offerta nella parte bassa della forchetta di prezzo proposta e tieni d'occhio i risultati e la spesa. Nei giorni successivi, se sei stato bravo, è probabile che vedrai abbassarsi la spesa giornaliera e alzarsi il CTR. Questo risultato è purtroppo solo temporaneo, quindi seguiranno ulteriori aggiustamenti per non far fermare la campagna. È chiaro che controllare un meccanismo del genere prende tempo e necessita di buona confidenza col sistema ma un esperto ADS può portarti, proprio grazie a centinaia di piccole attenzioni come questa, a risultati sensibilmente più economici del fai-da-te.